giovedì 29 ottobre 2009

A noi, halloween, proprio non piace

Quando ero piccola, mica esisteva. Perchè dobbiamo importare queste americanate? Voglio dire, se voglio vestirmi in maschera aspetto Carnevale, oppure faccio una festa a tema, no? Ai tempi dell'università si facevano, e si fanno pure ora. Mah.
Ricordo che l'anno scorso, dal tardo pomeriggio del 31 ottobre il campanello di casa ha suonato ininterottamente per ore, e io proprio non avevo niente per i bimbetti, nè dolci, nè caramelle. Avevo solo i confetti avanzati dal matrimonio tre mesi prima, non apprezzati. Allora ad un certo punto alla loro domanda Dolcetto o scherzetto, ho risposto Scherzetto, tanto voglio dire mica mi uccidono. Mi hanno guardata in faccia con aria che si addiceva proprio al loro travestimento, hanno preso in mano bombolette schiumose e dai colori assurdi tipo fucsia o verde acido e le hanno sparate ovunque, che c'ho messo una settimana per far sciogliere il colore dal cotto dell'entrata di casa. Per fortuna qui a Lisbona abitiamo al quarto piano, senza ascensore, quindi come minimo gli viene na sincope se provano a salire.

Ad ogni modo ieri sono andata in un mega centro commerciale in cerca di finferli, per fare un buon risotto. Una volta si andava in montagna, ora si va a negozi. Gironzolando ho notato che qui non c'è sta gran passione per halloween, ho visto due maschere (che più che altro sembravano di zorro) e basta, nemmeno zucche! non ci sono zucche, ho cercato mezzora, niente. Nè da decorare, nè da mangiare. Le uniche che ho visto son quelle di plastica, in un negozietto che vende vestiti e addobbi per feste, l'unico completamente arancione e pieno di ragnatele e mostri.
Insomma, qui sembra si siano salvati dal fenomeno.
Ad un certo punto però sono arrivata davanti alla vetrina di Akì, ho visto questo e mi è salita la tristezza.


Mancano ancora due mesi cavoli!!! io sto ancora pensando all'estate, visto che poi fa ancora caldo. No no, è troppo! Vi farei notare, inoltre, che qui Gesù bambino è già nato.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

e' il primo autunno che passo in italia dopo sei anni e per la prima volta ho cominciato a vedere le decorazioni e i vestiti tipici di halloween. Ma e' una persecuzione!
valescrive

Marco ha detto...

Che bello...
quest'anno quegli stessi bimbetti antipatici passeranno da casa tua e, non trovando nessuno, si ingegneranno per lasciarti in giardino un po' di schiuma inlavabile, poi, in direzione dell'uscio, lanceranno un po' di uova (quest'anno vanno di moda), tanto perchè il sole di questi giorni trasformi l'albume in una barriera davanti la porta.

Vita di mamma ha detto...

Oggi sono andata a comprare un cappello da "feiticeiro" per David, a scuola festeggiano Halloween; domani avró un bruxo in casa...
In realtá é vero, qua non si festeggia molto. Anche a me non piace, preferisco il Carnevale, le maschere, l'allegria. E poi il confronto tra dolcetti e lasagna carnascialesca non regge :)

LullAry ha detto...

@Valescrive: è come la suina, ovunque!
@marco: cavoli, non ci avevo pensato. Vorrà dire che quando tornerò in Italia, al posto della casa troverò una meringa gigantesca!
@vitadimamma: a proposito di bruxo, la professora di portoghese ha detto che bruxa è sinonimo di sogra,haha!tutto il mondo è paese! cmq dopo aver letto il tuo commento, mi si è aperta una voragine allo stomaco! lasagnaaaaa!!!

Posta un commento